Partecipanza Agraria di Sant'Agata Bolognese
e-mail Partecipanza
Home News Istituzione Statuti e Regolamenti Attività istituzionale Archivio e Documenti Aree agroambientali Contatto

 

 

Benvenuti nel sito della

Partecipanza agraria di Sant'Agata Bolognese

 


DNA “STORIA GENETICA DELLE PARTECIPANZE”

Dell'origine delle Partecipanze emiliane esistono delle lacune, è invece ben nota la loro connessione con l'Abbazia di Nonantola – a sua volta fondazione longobarda – ed il fatto che molte di esse siano documentate almeno fin dal XII secolo. Una risposta a questi interrogativi – come vedremo – è di grande interesse non solo per la storia locale, ma per la storia italiana ed europea in generale.

Il materiale genetico che ereditiamo dagli antenati, il DNA, può essere letto come un vero e proprio archivio biologico che in qualche modo registra le vicende, gli “eventi popolazionistici" che hanno coinvolto le generazioni passate.

Le Partecipanze  sono oggetti di studio molto interessanti dal punto di vista dell'antropologia molecolare. Grazie alle loro peculiari modalità di trasmissione patrimoniale ed al loro legame col territorio, hanno tramandato fino ad oggi linee genetiche radicate sul posto almeno dal medioevo.

Esistono differenze fra i Partecipanti e la popolazione che, pur vivendo sullo stesso

territorio, non appartiene alla Partecipanza?

I risultati ottenuti a Persiceto hanno in effetti mostrato che i Partecipanti presentano alcune particolari varianti del cromosoma Y che ci hanno portato ad ipotizzare un contributo  probabilmente longobardo.

 

Con l'intento di replicare la ricerca fatta su S. Giovanni, è stata avviata e portata a termine anche una campagna di campionamento relativa alla Partecipanza di Nonantola ancora in fase di studio.

 

Il caso di S. Agata Bolognese si pone fra i più interessanti, visti i rapporti con l'abbazia di Nonantola.

L'indagine presso la Partecipanza di S. Agata sarà dunque fondamentale per la prosecuzione della ricerca. Per portare a termine tale indagine servivano 50 partecipanti, in effetti  

sono stati raccolti 57 campioni di saliva da volontari della

Partecipanza di S. Agata Bolognese tramite un apposito kit.

L'operazione è stata rapida, non invasiva e naturalmente del tutto indolore.

Gli individui campionati sono stati tutti maschi (in quanto soltanto i maschi posseggono il cromosoma Y, il marcatore molecolare che per l'appunto identifica le linee paterne); si è pertanto cercato almeno un rappresentante per ognuno dei cognomi noti delle famiglie Partecipanti, evitando parenti stretti (fratelli, padre-figlio, zio-nipote, cugini di primo grado, e simili).

Le operazioni di campionamento si sono concluse il 23 aprile 2016.

 

L'obiettivo del lavoro è chiaramente di tipo genetico-popolazionistico.

Qualunque implicazione di carattere medico è esclusa.

I risultati della ricerca saranno presentati e pubblicati VEROSIMILMENTE entro la fine del corrente anno e in modo tale che non sarà possibile in alcun modo associare i dati genetici a singole persone.

 

RINGRAZIAMO TUTTI COLORO CHE HANNO COLLABORATO E PARTECIPATO ALLA BUONA RIUSCITA DI QUESTA RICERCA


 

La Partecipanza agraria di Sant'Agata Bolognese
ha la seguente estensione:

 

  • Superficie totale: 535 ettari
  • Superficie a coltura: 495 ettari
  • Numero dei “Capi” (famiglie partecipanti): 237
  • Durata del riparto: 9 anni
  • Anno dell’ultima ripartizione: 2011
  • Numero dei “fuochi” (appezzamenti) distribuiti nell’ultima assegnazione: 303
  • Terreno coltivato dai partecipanti:
    circa un 15% del totale
  • Edifici rurali di proprietà della Partecipanza: 3
  • Dimensioni delle assegnazioni: 11.600-14.500 m2
   
  • Terreni destinati all’agro-ambiente (37 ettari):

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

1 Macchia-radura (Le Possessioni)
2 Bosco, prati e zona umida (Santa Lucia)
3 Filare (Via Bosca)
4 Zona umida (La Cornelia)

La Partecipanza agraria di Sant'Agata Bolognese, ideata da Matilde di Canossa. E' un ente molto antico e risale al medioevo. Si tratta di agricoltura, terreni e terreno agro-ambientale, con bosco e filare, inoltre una zona umida. Le zone si chiamano Cornelia, Bosco di Santa Lucia. Ogni appezzamento è un fuoco e insieme si chiamano fuochi. Ogni nove anni, 9 anni, c'è la cavazione delle famiglie partecipanti che vengono in possesso delle possessioni o dei fuochi.

by Telegraf
Home - News - Istituzione - Statuti e regolamenti - Attività - Archivio e documenti - Aree agroambientali - Contatto

Partecipanza agraria di Sant'Agata Bolognese

 

 

via 2 agosto 1980 n. 45, 40019 Sant'Agata Bolognese (Bologna)

e-mail: info@partecipanza.org

pec: partecipanza.santagata@open.legalmail.it

tel. 051 956127 - fax 051 956127